Made in Italy: boom di ricerche su Google

Boom di ricerche online che fanno riferimento al Made in Italy, un trend che va di pari passo con la crescita dell’export nazionale: report I.T.A.L.I.A. 2019.

Cresce la richiesta di prodotti Made in Italy nel mondo e con essa il livello di apprezzamento per alcune peculiarità nazionali relative alla creatività, all’innovazione, al design, ai settori hi-tech come la meccanica o i mezzi di trasporto. Secondo il rapporto “I.T.A.L.I.A. 2019 – Geografie del nuovo Made in Italy acronimo e racconto dell’identità produttiva e sociale italiana – dall’Industria al Turismo, dall’Agroalimentare al Localismo, dall’Innovazione all’Arte e alla Cultura”, realizzato da Fondazione Symbola, Unioncamere e Fondazione Edison con il sostegno di Intesa Sanpaolo, il numero delle ricerche online che fanno riferimento al Made in Italy ha subito un incremento del 56% tra il 2015 e il 2018.

Stilato in collaborazione con la partnership tecnica di Google, il rapporto segnala cifre da record per il surplus commerciale manifatturiero grazie all’operato di migliaia di imprese medio-grandi, medie e piccole che rendono l’Italia competitiva sui mercati globali.

Il Rapporto mette in luce un volto dell’Italia che non è conosciuto a sufficienza

Lo sottolinea Giuseppe Tripoli, segretario generale di Unioncamere.

L’export nazionale è aumentato di quasi il 60% nell’arco di 10 anni, passando da un saldo negativo a un saldo positivo di circa 39 miliardi di euro. L’Italia, inoltre, vanta circa mille prodotti su 5mila ai primi posti a livello mondiale in termini di saldo commerciale.

2020-02-07T16:02:38+00:00